Giovedì, 16 Agosto 2018 (S. Stefano re d'Ungheria)

Sei in: News » Arte e Cultura » “A Ciambra”, la finale mancata

  • mail

“A Ciambra”, la finale mancata

Film di Carpignano fuori da enneade Oscar

15/12/2017, 20:46 | Arte e Cultura
Jonas Carpignano

Ufficiale: agli Oscar del 2018 l’Italia non avrà una sua rappresentanza.

Non è entrato nel novero dei nove candidati per il miglior film straniero, infatti, il film A Ciambra dell’italo-statunitense Jonas Carpignano,  in lizza per concorrere in quella categoria. A contendersi la statuetta saranno invece, per il cinema extra-americano, Una mujer fantástica del cileno Sebastián LelioTestről és lélekről  (Corpo e anima) dell’ungherese Ildikó Enyedi, Foxtrot dell’israeliano Samuel Moz, Loveless – Il favorito, del russo Andrey ZvyagintsevFélicité del franco-senegalese Alain Gomis, The wound (La ferita) del sudafricano JohnTrengove e, in ultimo, The square (La piazza) dello svedese Ruben Östlund.

Alcuni di queste pellicole sono, in realtà co-produzioni tra più Paesi. È il caso anche della nostra esclusa, il cui titolo allude al nome della comunità rom di Gioia Tauro. A Ciambra si presenta infatti come una co-produzione  tra Italia, Brasile, Germania, Francia, Stati Uniti e Svezia. Regista e sceneggiatore è, come abbiamo detto, Jonas Carpignano, affascinante misto di sangue italico (per parte di padre) e afro-americano (per parte materna).

Nato nelle Barbados e cresciuto tra New York e Roma, Carpignano firma con A ciambra la sua seconda, fortunata regia, dopo Mediterranea, l’esordio assoluto.  L’avventurosa vicenda di un cittadino del Burkina Faso che decise di prendere il mare insieme a suo fratello per emigrare in Italia ne fece, nel 2015, una piccola icona del cinema indipendente e gli valse il premio come regista rivelazione al Gotham Independent Film Awards   e quello come miglior regista esordiente ai Natonal Board of Review Awards. Il film, inoltre, si prese d’autorità anche due candidature, come miglior film d’esordio e miglior sceneggiatura d’esordio, agli Independent Spirit Award 2016.

Percorso trionfale anche per A ciambra. La storia di Pio, il ragazzo rom di Gioia Tauro che, dopo l’arresto del padre  e del fratello si trova, dall’oggi al domani, ad essere a capo della sua numerosa famiglia, ha fatto furore all’ultima edizione del festival di Cannes, tanto da ricevere  il Premio Europa Cinema Label nella sezione Quinzaine des Réalisateurs.

Direttamente dalla Croisette, il film si è quindi trovato proiettato nella corsa per guadagnarsi un posto nel plotoncino aureo dei film stranieri agli Oscar. Alla fine qualcuno gli ha sbarrato la strada verso la (ulteriore) gloria, e a poco è servito che come produttore esecutivo potesse schierare un mostro sacro dell’establishment hollywoodiano come Martin Scorsese.    

Gianluca Vivacqua
Fai una donazione

Rubriche

Video in evidenza

Media

annunci
stilefashion
viverecongusto
terraecuore
percorsitoscani

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@notizienazionali.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo

facebook twitter youtube

© 2001-2018 - È vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuto e grafica.

Reg.Tribunale di Vasto n.141 del 6 Mar 2014 | Anno 5 | numero 228