Sabato, 22 Settembre 2018 (S. Maurizio martire)

Sei in: News » Attualità » Ucciso a calci e pugni: due fermi

  • mail

Ucciso a calci e pugni: due fermi

Succede nel cagliaritano: una scena violenta sotto l'occhio di decine di persone

14/02/2018, 11:04 | Attualità

Ucciso a calci e pugni, una scena sotto l'occhio di decine di persone.

Hinterland di Cagliari a circa 20 chilometri dal capoluogo, muore Vincenzo Crisponi, 56 anni. Sotto gli occhi attenti dei bambini che giocavano nel parco comunale di Capoterra. Portati in caserma e successivamente fermati con l'accusa di omicidio Ignazio Siddi, 43 anni e Francesco Farigu, di 41, entrambi di Capoterra.

E' avvenuto ieri intorno alle 17: Crisponi raggiunge in sella al suo scooter via Satta. Vicino ad un circolo privato è stato avvicinato da due uomini. I tre si conoscevano da tempo, noti anche ai militari dell'arma. A quel punto sono iniziate le botte: pugni, schiaffi e calci.

Il movente è ancora da scoprire, tra le ipotesi ci sarebbe una discussione nata per l'acquisto di droga e per uno spinello. La vittima sarebbe stata spinat contro lo scooter, che lo avrebbe schiacciato.

Crisponi è finito a terra agonizzante, a quel punto i due sono fuggiti a piedi, allontanandosi dalla zona. Alcune persone che hanno assistito alla scena hanno chiamato il 112. Sul posto sono arrivati i carabinieri della Stazione di Capoterra, i colleghi del Radiomobile della Compagnia di Cagliari, coordinati dal tenente Stefano Martorana, e un'ambulanza del 118.

I medici hanno tentato a lungo di rianimare il 56enne, ma non c'è stato nulla da fare. I militari hanno subito transennato la zona e avviato serrate ricerche degli aggressori.

Uno di loro sarebbe tornato in zona e i cittadini lo hanno subito indicato ai militari del Radiomobile che lo hanno bloccato; il secondo sospettato, invece, è stato rintracciato poco dopo dai colleghi di Capoterra. Nel centro dell'hinterland cagliaritano sono arrivati il magistrato di turno Gaetano Porcu e il medico legale Roberto Demontis, che si è occupato dell'esame esterno della salma. Sul luogo dell'omicidio è stato trovato anche un taglierino, ma non si sa se sia stato utilizzato nel delitto. Lo scooter di Crisponi è stato sequestrato.

I carabinieri cercano di ricostruire ogni cosa per attribuire le varie responsabilità ed individuare le ragioni della violenta aggressione.

Samantha Ciancaglini
tags
Fai una donazione

Rubriche

Video in evidenza

Media

annunci
stilefashion
viverecongusto
terraecuore
percorsitoscani

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@notizienazionali.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo

facebook twitter youtube

© 2001-2018 - È vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuto e grafica.

Reg.Tribunale di Vasto n.141 del 6 Mar 2014 | Anno 5 | numero 265