Sabato, 18 Agosto 2018 (S. Elena imperatrice)

Sei in: News » Attualità » Terremoto, l’incubo infinito

  • mail

Terremoto, l’incubo infinito

Ennesima scossa nelle Marche

10/04/2018, 20:17 | Attualità
La chiesa di Santa Maria di Varano a Muccia (MC)

Martedì 10 aprile, ore 5.11 del mattino.

Crolla parzialmente il campanile della chiesa seicentesca di Santa Maria di Varano poco fuori  Muccia, un paese del Maceratese. Lo sciame sismico sembra non aver più fine nelle Marche, in particolar modo nelle province di Macerata e Ascoli Piceno; e ha inferto una nuova ferita al patrimonio artistico della regione. L’ultima vittima è appunto il monumento religioso più rappresentativo  del piccolo borgo di poco più di 900 abitanti, patria del beato Rizerio, seguace di san Francesco d’Assisi.

Si dà il caso, infatti, che Muccia si trovasse a soli due chilometri dall’epicentro della nuova scossa di terremoto, che ha fatto registrare una magnitudo pari a 4,6 gradi Richter. La chiesa è un edificio a pianta ottagonale, che ospita al suo interno un museo archeologico, “Muccia: antico crocevia dell’Appennino”. Da oggi la sua piccola, pregevole bifora campanaria ha perso completamente uno dei suoi due angoli alti.

La scossa delle 5.11, avvertita chiaramente anche in Umbria,  non è stata un evento isolata. Al contrario, ad essa sono seguite numerose altre repliche, tre delle quali di magnitudo superiore a 3.  

L’arcivescovo di Camerino-San Severino Marche, mons. Francesco Giovanni Brugnaro, non può fare altro che constatare i danni e pregare perché l’emergenza sismica abbia finalmente termine. I sindaci dell’area interessata allo sciame che perdura dall’agosto 2016, invece, sono chiamati a qualcosa di più fattivo, e si sono riuniti d’urgenza. Per fare il punto della situazione insieme al capo del Dipartimento della Protezione civile delle Marche, Roberto Borrelli. In prima fila, naturalmente, non mancava il primo cittadino di Muccia, Mario Baroni.

Su 920 abitanti – snocciola Baroni 550 sono ancora sistemati nelle Sae (soluzioni abitative di emergenza, cioè a dire i container, ndr), 120-130 persone alloggiano in case agibili e il resto in sistemazioni autonome o da parenti.” Alla precarietà abitativa si potrebbe anche porre rimedio, se soltanto il sottosuolo trovasse un po’ di pace. E invece, va in onda un thriller senza pause. “Quel che è certo è che stiamo vivendo uno stillicidio continuo che ci sta snervando e che non si ferma: le scosse si ripetono da svariati giorni, anche con un’escalation nell’intensità.

Gli fa eco il sindaco di Pieve Torina, Alessandro Gentilucci: “Oggi chiudiamo le scuole. Abbiamo dei danni e stiamo verificando anche le Soluzioni abitative in emergenza per valutarne la tenuta statica. Le scosse di minore entità proseguono mettendo ovviamente a dura prova i nervi della popolazione”. Le cose non vanno meglio a Camerino, dove “tutto il centro è ancora zona rossa”: parola di Gianluca Pasqui,inquilino di Palazzo Bongiovanni.

Gianluca Vivacqua
tags
Fai una donazione

Rubriche

Video in evidenza

Media

annunci
stilefashion
viverecongusto
terraecuore
percorsitoscani

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@notizienazionali.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo

facebook twitter youtube

© 2001-2018 - È vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuto e grafica.

Reg.Tribunale di Vasto n.141 del 6 Mar 2014 | Anno 5 | numero 230