Martedì, 16 Ottobre 2018 (S. Margherita Alac.)

Sei in: News » Attualità » FABI. A Roma 3° Congresso Nazionale del Coordinamento Unicredit, rinnovati gli organismi

  • mail

FABI. A Roma 3° Congresso Nazionale del Coordinamento Unicredit, rinnovati gli organismi

Presente il Segretario Generale della FABI, Lando Maria Sileoni

Articolo di giornalismo partecipativo postato da Filippo Virzì

16/05/2018, 18:11 | Attualità


Alla presenza di 320 RSA, convenuti da ogni parte d'Italia, si è svolto a Roma nei giorni e 16 maggio 2018 il 3° congresso nazionale Fabi Gruppo Unicredit.
Una così ampia presenza, distribuita su tutto il territorio nazionale, rende tangibile ilprimato della Fabi all'interno del gruppo, primato non solo per l'elevata percentuale di rappresentanza nel gruppo, ma anche e soprattutto primato per la qualità del quadro
sindacale e delle idee che sa esprimere.
Ripercorrendo gli accordi sottoscritti in questo triennio si evince il grande lavoro svolto dalle Segreterie, che hanno saputo portare avanti le nostre posizioni, posizioni che hanno caratterizzato gli importanti risultati raggiunti.
La continua trasformazione che vive il Gruppo Unicredit richiede un Sindacato forte, presente ed in grado di guardare al futuro. Per esempio, senza l'introduzione, a suo tempo, di adeguate garanzie per i lavoratori coinvolti nei processi di esternalizzazione,
oggi non potremmo vedere un futuro per i lavoratori di ES-SSC, che ci aspettiamo
vengano definitivamente reintegrati nel gruppo.
Il Coordinamento Fabi Gruppo Unicredit ha identificato una serie di importanti problematiche che dovranno trovare concrete soluzioni in tempi brevi.
Assume rilevanza assoluta e prioritaria la necessità di concretizzare e di rispettare in ogni struttura gli accordi raggiunti in tema di politiche commerciali: denunciamo la persistenza di comportamenti riprovevoli da parte di responsabili, che persistono in pressanti e continue richieste di rendicontazione e in alcuni casi travalicano il civile rispetto della Persona. Il Coordinamento rileva che i mancati interventi da parte dell'azienda su coloro che non rispettano gli accordi suona come un'implicita legittimazione.
E' ormai indifferibile appianare il solco sempre più profondo che sta emergendo tra le
strutture HR, i nostri tradizionali interlocutori, e le funzioni commerciali della Banca.
Ricordiamo con forza che gli accordi sono sottoscritti tra i rappresentanti dei Lavoratori ed
i rappresentanti dell'Azienda, non tra il Sindacato e la struttura Relazioni Industriali, quindi
devono essere rispettati da ogni figura aziendale. Ciascuna nostra RSA continuerà nell'assidua attività di segnalazione di ogni comportamento non conforme e soprattutto di atteggiamenti irrispettosi nei confronti dei colleghi.
Oltre a dissentire e contrastare alcune scelte strategiche che fanno venir meno il presidio del territorio e la fidelizzazione della clientela, il Coordinamento manifesta una forte preoccupazione per l'inefficacia di nuove procedure e modalità di organizzazione del lavoro, che anziché supportare i colleghi, rendendo agili e fluidi i processi operativi, introducono adempimenti macchinosi e soprattutto non adeguatamente supportati dai  sistemi tecnologici, auspicando una maggiore consapevolezza dell'impatto di ogni innovazione operativa e del lancio di ogni prodotto sulla quotidiana attività dei lavoratori.
Pur confermando l'apprezzamento e la condivisione del recente Piano Giovani, in
particolare del principio con esso introdotto della piena copertura delle uscite, il
Coordinamento sottolinea la necessità di colmare quanto prima la perdita di rilevanti
competenze ed esperienze determinata dall'uscita dei colleghi in esodo ed in pensione.
Il Coordinamento valuta positivamente il nuovo accordo per i Rappresentanti dei
Lavoratori per la Sicurezza, che vede riconosciuto il peso politico e le capacità dei nostri
rappresentanti, auspicando una diffusa partecipazione dei colleghi alle votazioni di questa
figura determinante nella gestione di questioni così delicate per la vita lavorativa.
Forte della propria capacità di analisi e di elaborazione di proposte praticabili, il
Coordinamento Fabi Unicredit ribadisce il diritto di opporsi e di contrapporsi alle scelte
aziendali, assumendosi la propria responsabilità di ultimo baluardo a difesa dalla dignità dei Lavoratori e delle Lavoratrici del Gruppo e dei loro posti di lavoro.


Risultati delle elezioni:
Segreteria di Gruppo
AMENTA Emanuele
ANGELINI Giuseppe
CEFALONI Stefano
COGLI CICCARELLI Paola
COLASUONNO Francesco
FALPO Flaminia
MURATORE Marco
PESCHECHERA Mariangela
PROTTI Gisella
QUARANTIELLO Aldo
VOGHERA Claudio
Segreteria di UniCredit Services ScpA
BIANCHI Marco
CAVAGNA Andrea
COLASUONNO Francesco
MENADEO Fabrizio
MINEO Salvatore
VOGHERA Claudio

Segreteria di UniCredit SpA
AMENTA Emanuele
ANGELINI Giuseppe
ARMENI Carlo
BENASSI Paolo
CARDONE Nicola
CEFALONI Stefano
COGLI CICCARELLI Paola
CORALLO Paolina
Di BENEDETTO Cetty
FALPO Flaminia
GALLI Giovanni
GIULIANI Giulio
GOBBI Maria Cristina
MOTTA Gaetano
MURATORE Marco
PARECCHINI Massimo
PESCHECHERA Mariangela
PETRUCCI Maria Rosa
PROTTI Gisella
QUARANTIELLO Aldo
TREBBI Roberto

 

Filippo Virzì
Fai una donazione

Rubriche

Video in evidenza

Media

annunci
stilefashion
viverecongusto
terraecuore
percorsitoscani

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@notizienazionali.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo

facebook twitter youtube

© 2001-2018 - È vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuto e grafica.

Reg.Tribunale di Vasto n.141 del 6 Mar 2014 | Anno 5 | numero 289